Cerca nel blog

domenica 12 marzo 2017

Stoffe / Fabrics

Dato che il fine settimana è un momento di relax (arriva il sarcasmo?),ho deciso che era giunto il momento di controllare e catalogare il mio stash di stoffe.
Questa è una cosa che una "fabric addicted" non dovrebbe mai fare.
Significa recuperare tutte le stoffe che possiedi, misurarle, fotografarle ed annotare su un quaderno  misure e caratteristiche.
Questo lavoro porta ad un duplice problema :
-Ti rendi conto che sei una maniaca e che non possono più lasciarti andare da sola in un negozio di stoffe.
-Capisci che devi arrenderti e devi ... tagliare.
Io non so se qualcuno può capire questa strana forma di amore che provo per i tessuti e che mi porta ad accumularli e a non volerli utilizzare.
Comunque ora il danno è fatto, esistono le foto, le prove e, presto, un foglio exel con le specifiche.
Scherzi a parte questa catalogazione mi serviva assolutamente perchè ho tante idee in testa e, adesso ne sono certa, anche i materiali.


venerdì 10 marzo 2017

Calze di lana

Pur avendo sempre lavorato a maglia, anche se in maniera discontinua, non ho mai affrontato lo scoglio delle  calze di lana.
Mi piacciono da morire, sono freddolosa, ho una figlia con una temperatura corporea così bassa che sembra vivere in un obitorio (e me le chiede da tempo!), posso farle, .......che cosa mi trattiene??
Tutte le storie  horror di knitter da lunga data che si sono arenate.
Chi sulla punta, chi sul tallone, chi nel maneggiare il terribile "gioco di ferri", ossia i 5 ferretti infernali per lavorare in tondo, e chi più ne ha più ne metta.
Qualche giorno fa, dopo uno scherzoso botta e risposta su Instagram con Sarah, di Your sew in style, abbiamo deciso di "buttarci" in questa piccola avventura.

Ho scelto un pattern semplice, l'Hermione's everyday socks,  una lana italiana della Coats 75% lana vergine e 25% polyamide e di lavorare con i doppi microcircolari.
Poichè ho in previsione di cucire parecchio per questa primavera-estate, credo che le calze verranno terminate sotto l'ombrellone.
Ma d'altronde gli stilisti preparano  le loro collezioni nelle stagioni alterne, l'estate per l'inverno e l'inverno per l'estate.
Ad agosto, sferruzzando sulla spiaggia, potrò dire di star facendo lo stesso lavoro di Cavalli!


 

martedì 7 marzo 2017

Marzo

Non sono stata molto brava e sono sparita nel nulla, ma la vita, a volte, decide per te e quest'inverno è stato pesante.
Voglio, fortissimamente voglio, andare avanti e guardare alla primavera con rinnovata speranza.
Primavera per me significa anche il ritorno al colore, dato che l'inverno è quasi interamente black, e cucire stoffe colorate è veramente energetico!
In questo momento, fuori dalla mia finestra, il vento sta piegando gli alberi e le mie piantine di crocus sono sfinite. Parlare di primavera oggi, in effetti  fa un po' ridere...